MicroBo Beer Festival: la birra artigianale invade San Lazzaro

Comunicato stampa: La folta programmazione estiva del Comune di San Lazzaro di Savena può contare su alcuni appuntamenti ormai consolidati; tra questi, il MicroBo Beer Festival, il festival delle birre artigianali italiane, è uno degli appuntamenti più attesi e nel weekend dell’8-10 giugno 2018 tornerà ad animare la splendida cornice del Parco della Resistenza di San Lazzaro.
Come ogni anno lo staff organizzativo, con a capo il Pub Il Punto di Bologna, ha lavorato per mesi per stilare la lista dei birrifici partecipanti e per creare un evento che permetta di trascorrere un weekend all’insegna di birra artigianale, street food e musica, tutto all’insegna della qualità.
Tra le realtà birrarie presenti non mancano quelle che “giocano in casa”: oltre alle presenze confermate di Birra Bellazzi di San Lazzaro e Vecchia Orsa di San Giovanni in Persiceto, la novità di questa edizione è la presenza di uno stand di Ca’ del Brado di Pianoro, una cantina brassicola che si è affermata in pochissimo tempo come una delle realtà più interessanti a livello nazionale, oltre a aver riscosso parecchio consenso anche oltre confine.
La proposta birraria del MicroBo Beer Festival spazia da nomi più affermati ad alcune nuove proposte, rispecchiando quella che è la filosofia del Pub Il Punto, da sempre impegnato a sostenere il movimento artigianale italiano. Tra le new entry di questa edizione, il birrificio MC 77, dalla provincia di Macerata, che dopo aver sofferto uno lungo stop dovuto al terremoto del 2016, è finalmente tornato a pieno regime e non mancherà di deliziare i presenti con le sue produzioni come ad esempio la Fleur Sofronia, un’apprezzatissima blanche con fiori di ibisco. Gli altri birrifici presenti: Altotevere di San Giustino (PG), i piemontesi Canediguerra e Croce di Malto, Birra Mastino dalla provincia di Verona, Mister B da San Giorgio di Mantova e i marchigiani Renton.
Un’ottantina le birre proposte, a rotazione, dai dieci birrifici presenti al MicroBo Beer Festival, a fornire uno spaccato di un movimento artigianale nazionale in forte crescita; oltre settecento infatti sono le realtà produttive attualmente esistenti, ben distribuite in tutto il territorio nazionale.
Oltre alla birra da bere, il programma del festival propone alcuni laboratori di approfondimento del mondo artigianale, come ad esempio Cheese & Cheers, dedicato all’abbinamento birra-formaggi, un appuntamento che presenterà un interessante parallelo tra il mondo della birra e del whisky, a cura di Whisky Club Italia, ed un laboratorio più specifico per gli amanti delle tecniche di birrificazione, a scoprire le magie del lievito.
A giusto completamento della proposta del festival, lo street food che in questa edizione spazia dagli hamburger veneto-piemontesi di Brambù, alle piadine e tigelle di TPOH, alla pizza e ai fritti de La Vecchia Scuola di Montalto.
Domenica 10 giugno la giornata dedicata agli amanti della “cotta con i pentoloni” ovvero chi si dedica con passione alle produzioni birrarie casalinghe. A partire dalla tarda mattinata, ci sarà la possibilità di assistere ad una cotta pubblica a cura dell’Associazione Birra Divin Piacere. Nel pomeriggio invece spazio a chi vorrà far assaggiare le proprie produzioni casalinghe ad un tavolo di esperti per discutere assieme pregi ed eventuali difetti. Sempre domenica, alle 17.30, torna la sfida più divertente, tra la nazionale dei birrai e quella dei publican; dopo le prime edizioni calcistiche che hanno regalato emozioni e grande divertimento, anche quest’anno la sfida sarà all’insegna del basket di “altissimo” livello e non mancherà l’agonismo, per portare a casa l’edizione 2018. In ogni serata del festival spazio anche alla musica live; tra gli artisti non potevano mancare Le Birrette, una ska band tutta al femminile, The Gentlemens, che “te le suonano forte” e Thee Boozers, gli etilisti del rock’n roll. Domenica sera infine DJ set by Buddy con i suoi vinili.
Un weekend con una proposta davvero ricca e per tutti i gusti, per conoscere da vicino alcune delle realtà birrarie più interessanti del nostro paese assieme ai produttori che saranno presenti allo stand per raccontare le birre e raccontarsi.
Per maggiori informazioni è attivo il sito della manifestazione www.microbobeerfestival.com

Gli stand

I birrifici

  • ALTOTEVERE – San Giustino (PG) www.birrificioaltotevere.com
    Dopo un inizio da beerfirm, con ottimi risultati, per Luca ed Eleonora arriva nel 2017 il birrificio, con sede in provincia di Perugia, ed anche il brewpub. Produzioni che spaziano da alte a basse fermentazioni e che strizzano l’occhio al Belgio, alla Germania, all’America. Il tutto all’insegna di pulizia ed estrema bevibilità.
  • BELLAZZI – San Lazzaro di Savena (BO) www.birrabellazzi.it
    Sregolatezza senza genio lo slogan di questo gruppo di amici, che dopo un’esperienza fatta di pentoloni casalinghi e di corsi tecnici, ha iniziato la produzione nel 2013 come beer firm. Nel 2016 ha inaugurato il proprio impianto, con spaccio annesso, a coronamento di una crescita continua e costante.
  • CA’ DEL BRADO – Pianoro (BO) www.cadelbrado.it
    Si definiscono cantina brassicola perché curano la trasformazione del prodotto da mosto a birra, partendo dalla ricetta e con fermentazioni, affinamenti e maturazioni in botti specifiche per ogni prodotto. Un progetto nato nel 2016 che nel nome richiama la lentezza dell’attesa della maturazione di un prodotto che vede l’utilizzo di lieviti selvaggi, ovvero allo stato brado. [Un progetto che di recente è stato presentato a Firenze e di cui ho scritto alcune note di degustazione, ndr]
  • CANEDIGUERRA – Alessandria www.canediguerra.com
    Progetto recente, nato nel 2015 e che vede impegnato assieme ai suoi soci Alessio Allo Gatti, birraio di grande esperienza e carriera professionale. Produzioni di ottimo livello che hanno da subito conquistato il pubblico.
  • CROCE DI MALTO – Trecate (NO) www.crocedimalto.it
    Anno di nascita il 2008 per questo birrificio piemontese che si è affermato da subito come realtà di grande interesse, forte dei numerosi premi vinti a livello nazionale ed internazione. Alessio e Federico le anime di un progetto che ha come segno distintivo la continua ricerca di costanza e qualità delle produzioni e che guarda anche al territorio in alcune birre, fatte ad esempio con castagne e riso locali.
  • MASTINO – S. Martino Buon Albergo (VR) www.birramastino.it
    Birrificio nato nel 2007 dall’idea dei fratelli Mauro e Oreste Salaorni, con l’intento di fare birre dalla grande bevibilità. Obiettivo più che riuscito e che ha portato nel 2015 ad un ingrandimento dell’impianto produttivo, per soddisfare la sempre maggiore richiesta. Marchio e nome delle birre richiamano la città di Verona, con omaggi a personaggi come Cangrande della Scala.
  • MC77 – Caccamo di Serrapetrona (MC) www.mc-77.com
    Nato nel 2013, il birrificio nel nome ricorda la strada statale in cui avevano sede le prime sperimentazioni casalinghe, oltre che le iniziali dei soci. La sede attuale si trova in provincia di Macerata e nelle loro produzioni Matteo e Cecilia spaziano dalla tradizione belga e inglese per andare verso sperimentazioni anche con l’utilizzo di ingredienti particolari.
  • MISTER B – San Giorgio di Mantova (MN) www.misterb.beer
    Birrificio nato nel 2017, dopo anni di homebrewing, esperienze brassicole e viaggi birrari, con la lettera B che segna tutta la produzione, nell’iniziale di tutte le birre e nell’obiettivo di fare solo Birra Buona. Oltre ai fusti le birre di Mister B si trovano solamente in lattine, per una scelta riciclabile, sicura, eco sostenibile.
  • RENTON – Fano (PU) www.birrificiorenton.it
    Birrificio con mescita in cui fa bella mostra l’impianto a vista, nato nel 2014 dalle ceneri del piccolo birrificio Pergolese. Nel tempo la proposta si è affinata portando a ricette del tutto originali o aderenti ad uno stile, personalizzato o liberamente interpretato; logo ed etichette sono dell’artista marchigiano Simone Massi.
  • VECCHIA ORSA – San Giovanni in Persiceto (BO) www.fattoriabilita.it
    Parte del progetto della cooperativa sociale FattoriAbilità, dedita all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, il birrificio nasce nel 2007. La produzione è affidata da subito alle sapienti mani di Enrico Govoni, giovane e promettente homebrewer di scuola belga, ma che riesce a spaziare con ottimi risultati anche in ambito tedesco e anglosassone.

Cibo

L’edizione 2018 del MicroBo Beer Festival vedrà una proposta gastronomica estremamente variegata e pronta a soddisfare tutti i gusti.
BRAMBU’ – Brà (CN) www.brambu.it
Brambù nasce dalla passione di Massimo e Irene per le materie prime di qualità e per il buon cibo gustoso, ma sano. Un truck food che sarà in grado di soddisfare la vostra voglia di carne con hamburger di salsiccia di Brà, Pastin dal Veneto e panini gourmet.
LA VECCHIA SCUOLA DI MONTALTO – Montese (MO) www.lavecchiascuoladimontalto.it
Si definiscono ristoratori di montagna con la cultura del cibo sano, gustoso e genuino. Ad arricchire la loro cucina c’è l’ospitalità di una volta: semplice e conviviale. Al festival saranno presenti con la loro pizza fritta, incredibilmente leggera e digeribile, e l’immancabile cono di fritti.
TPOH – Valsamoggia (BO)
Si legge “TIPO” ed è acronimo di “The Pursuit of Happiness”. Il concetto di felicità vuole essere legato a quel momento unico, dove si mangia. Piadina romagnola, crescia sfogliata e tigelle a regola d’arte! Ma non solo: cheese bar con proposte golose e primi piatti tradizionali. Materie prime d’eccellenza all’insegna di leggerezza e digeribilità. Quello che TPOH vuole trasmettere è un’esperienza di felicità.

La musica dal vivo

Venerdì 8 giugno

Ore 21:30 LE BIRRETTE – Le Birrette sono una ska band al femminile nata a Bologna a fine 2014. Queste ragazze hanno in comune due grandi amori: la birra e la musica giamaicana degli anni 60/70.
Con queste premesse non potevano non essere presenti a MicroBo!
La loro musica esplora gli anni d’oro della musica giamaicana dallo ska, al rocksteady, al reggae roots. Ad Aprile è prevista l’uscita del primo album LP intitolato “Gyals songs only”.

Sabato 9 giugno

Ore 20:30 THE GENTLEMENS – The Gentlemens si sono formati nel 2004 ad Ancona, Italy. Amano suonartele forte distruggendo tutte le rabbie represse della vita attraverso racconti di storie selvagge, amanti sconosciuti e la difficoltosa relazione con il “global system”…cioè a chi serve Bach quando puoi continuare a cantare ed ascoltare gruppi con nomi stupidi come Oblivians, Blues Explosion o Stooges? Il loro sound è sporco e scarno (due chitarre e una batteria dove i tre Gentiluomini suonano e si scambiano tutti gli strumenti) e le vibrazioni malate rompono e rimescolano tutto. Nel 2013 rilasciano “Less Said The Better” 12 canzoni che li fà conoscere ed apprezzare in tutta Italia. Nel 2016 è la volta di “HOBO-FI”, 13 tracce registrate con la supervisione e collaborazione di Niccolò Mazzantini e Fabio Fantozzi membri e compositori per gli APPALOOSA e con la co-produzione della più importante etichetta Garage/Rock’n’roll italiana AREA PIRATA RECORDS. Il 2018 sarà l’anno dell’uscita del nuovo disco che posizionerà un altro tassello sulla strada dei Gentlemens e sulla scena Rock’n’roll e non solo, Italiana.

Ore 23:00 THEE BOOZERS – Attivi dal 2005 gli etilisti del rock’n’roll sciorinano sgraziatamente la loro punk way con due vecchie volpi, Franz e Rufo rispettivamente al basso e alla chitarra solista, e due gatti da rusco Tony e Blondie, il primo ai tamburi il secondo alla chitarra ritmica che prendono in mezzo un vizioso Pinocchio di nome Peter alla voce. Questi sono Thee Boozers ahimé…

Domenica 10 giugno

Ore 21:00 DJ SET BY BUDDY – Dj Buddy Morrow inizia a mettere dischi nel dicembre del ‘98 a Milano, sua città natale, con uno stile che negli anni si è evoluto: dal rock and roll e rockabilly ha allargato le sue vedute verso altri generi quali Rhythm and Blues, Blues, Surf, Mersey Beat e soprattutto quel filone di Rock and Roll inglese a cavallo tra gli anni 50 e i primi ’60. I suoi record hop sono rigorosamente su vinile.

I laboratori

Venerdì 8 giugno

Ore 19:30 CHEESE & CHEERS – Abbinamento birra e formaggi. Alessandra Agrestini e Dorothea Licandro vi condurranno in un percorso gustativo estremamente goloso attraverso l’abbinamento di 4 birre con 4 formaggi.
Costo del laboratorio: € 10

Sabato 9 giugno

Ore 19:30 WHISKY E BIRRA: SEPARATI ALLA NASCITA? – Tra queste due bevande esistono molti punti di contatto. Davide Terziotti di Whisky Club Italia ve li farà scoprire attraverso una degustazione guidata di 2 whisky e 2 birre. Costo del laboratorio: € 12

Domenica 10 giugno

Ore 19:30 YEAST WE CAN – Conoscere e rispettare il lievito, strategie per tutti: racconti di starter e propagazioni, recupero, vitalità e contaminazioni, con alcuni spunti pratici e degustazione di 2 birre. A cura di Mario Di Bacco della cantina brassicola Cà del Brado. Costo del laboratorio: € 8

Info sui laboratori

La partecipazione ad un laboratorio dà diritto ad uno sconto del 50% sull’acquisto del bicchiere del festival.
Il numero di partecipanti ai laboratori è limitato. I bicchieri verranno forniti dall’organizzazione.
Per prenotarvi potete presentarvi alla cassa del festival almeno 30 minuti prima dell’inizio del laboratorio. Nei giorni precedenti l’inizio del festival per informazioni o per prenotare potete:
– recarvi di persona al Pub Il Punto (Via San Rocco 1/g – Bologna)
– chiamare il +39 328 9153766
– mandare una mail a info@microbobeerfestival.com

La partita di basket

DOMENICA 10 GIUGNO ORE 18.30 Partita di Basket: Birrai vs Publican
All’inizio c’erano le sfide calcistiche delle prime due edizioni, che tanto successo avevano avuto tra i partecipanti e gli spettatori, per il livello “altissimo” dei giocatori e per la tensione agonistica. Ma da due anni la sfida più divertente del panorama birrario si è spostata sul campetto da basket. Chi vincerà, tra birrai e publican?

Info

Altre informazioni sul MicroBO Beer Festival 2018 sono sulla scheda evento sul calendario.

 

Share

Pinta Medicea

Mi chiamo Francesca Morbidelli, sono tra i fondatori della Pinta Medicea. Dal 2007 gestisco e scrivo di birra artigianale su questo sito. Sono docente e giudice in concorsi birrari da quasi un decennio, e collaboro sia con MoBI che con Unionbirrai. Amministratrice del sito de La Pinta Medicea: francesca [at] pintamedicea.com - Twitter: @pintamedicea e @storiediweb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.