Le Birre di Natale secondo Kuaska

Le Birre di Natale o Christmas Beers, dapprima diffuse soprattutto in Belgio e Regno Unito, rappresentano oggi una realtà molto diffusa in tutta Europa e Oltreoceano. Non ci troviamo davanti ad una tipologia ben precisa, bensì ad un’interpretazione soggettiva da parte di ogni birraio di una birra stagionale, dai britannici argutamente definita “winter warmer”, che quindi “scaldi l’inverno” attraverso un elevato tenore alcolico e un gusto pieno e fruttato e caratterizzato, nella stragrande maggioranza, da una generoso utilizzo delle spezie più disparate.

Giocando sull’equilibrio tra le note dolci conferite dai malti, dalle spezie e dall’utilizzo di varie tipologie di zucchero per la rifermentazione (principalmente in bottiglia e, a volte, nel fusto) e una secchezza nion troppo pronunciata ma presente, i nostri artigiani sanno creare birre al tempo stesso forti e ricchissime di aromi e sapori ed una beverinità che scongiura il pericolo della stucchevolezza.

Esempi emblematici li troviamo ormai in ogni regione. Citrerei le piemontesi Noël del Baladin del celeberrimo Teo Musso, Stella di Natale dei Troll e Kukumerla di Grado Plato, seguite dalle lombarde Xtreme del Bi-Du, Brighella di Lambrate e Kerst di Extraomnes, poi la friulana Nadal di Foglie d’Erbae la genovese Birra di Natale di Maltus Faber. Al centro spiccano, nel Lazio, la 25-12 di Birra del Borgo di Leonardo Di Vincenzo, la toscana Christmas Duck del Birrificio L’Olmaia e l’abruzzese Christmas Cru di Almond ’22 mentre per il sud possiamo citare abbiamo diversi “winter warmer mediterranee” come la campana Cubulteria di Karma e la pugliese Malagrika di B94.

Tra i numerosi festival dedicati alle birre di Natale citerei, per l’Europa, il magnifico Essen Kerstbier Festival che si tiene tradizionalmente a metà dicembre, nella cittadina fiamminga di Essen, al confine con i Paesi Bassi, con oltre cento birre natalizie provenienti da tutto il Belgio. Negli Stati Uniti spiccano l’Orlando Holiday Ale Festival che si tiene nella città della Florida il primo sabato di dicembre con un centinaio di birre ed il Winter Beer Fest che si tiene a Seattle nel secondo weekend di dicembre, con birre provenienti da oltre trenta produttori dello Stato di Washington.

E in Italia? Non abbiamo un vero e proprio festival ma numerose degustazioni incentrate sulle birre di Natale in pub sparsi per la penisola ed una bella rassegna a Roma, nel terzo weekend di dicembre, nello straordinario pub trasteverino Ma Che Siete Venuti a Fà ? e nel dirimpettaio, imperdibile ristorante Bir & Fud.

Eccellenza Birra, la cui seconda, attesissima edizione, si terrà a Prato per tre giorni, da venerdì 7 a domenica 9 dicembre, saprà nuovamente colmare questa lacuna ed allineare il nostro paese a quelli di tradizione e agli emergenti .

Lorenzo Dabove in arte Kuaska
Direttore artistico di Eccellenza Birra

 

 

 

Share

Pinta Medicea

Mi chiamo Francesca Morbidelli, sono tra i fondatori della Pinta Medicea. Dal 2007 gestisco e scrivo di birra artigianale su questo sito. Sono docente e giudice in concorsi birrari da quasi un decennio, e collaboro sia con MoBI che con Unionbirrai. Amministratrice del sito de La Pinta Medicea: francesca [at] pintamedicea.com - Twitter: @pintamedicea e @storiediweb

Un commento su “Le Birre di Natale secondo Kuaska

Commenti chiusi.