Birre

Amarcord lancia la sua prima birra artigianale senza glutine

La birra senza glutine Amarcord

Il Birrificio Amarcord presenta finalmente la sua tanto attesa birra senza glutine. Dopo mesi di ricerca e sperimentazione, arriva sul mercato un prodotto eccellente dedicato a chi non poteva godere di una buona lager. Questa birra risponde alla crescente domanda di prodotti gluten free e offre nuove opportunità di vendita anche a chi non ha intolleranze specifiche.

Una lager autentica

Amarcord Senza Glutine è realizzata con gli stessi ingredienti della rinomata lager del birrificio: orzo delle terre di Puglia e Basilicata, acqua cristallina dell’Appennino e luppolo in fiore. Il processo di deglutinazione utilizza enzimi in fermentazione e maturazione a freddo, mantenendo le caratteristiche della lager e riducendo il glutine ben al di sotto del limite legale di 20 parti per milione, come confermato dai test di laboratorio. Il risultato è una birra indistinguibile dal punto di vista sensoriale, come confermato dalle degustazioni.

Nella fase iniziale di lancio, Amarcord Senza Glutine sarà disponibile in bottiglie da 33cl. Questo progetto rappresenta una nuova storia di successo per Amarcord, sia in Italia che all’estero, promuovendo la qualità, il gusto delle birre e un’autentica esperienza di italianità.

[Leggi anche: Birre artigianali senza glutine: l’elenco delle migliori etichette del 2024]

La storia del birrificio Amarcord

Dal 1997, Amarcord ha coltivato una profonda passione per la birra. La storia del birrificio è una storia di famiglia, passione e tradizioni, che negli anni si è evoluta mantenendo valori di qualità, originalità e familiarità. Amarcord continua a innovare, combinando contemporaneità, dinamismo e sostenibilità.

Il 2024 è un anno di grandi cambiamenti per Amarcord, un’evoluzione che vede il birrificio indipendente rimanere saldo nei suoi valori e nel suo assetto. Durante l’evento fieristico di Beer&Food Attraction, è stato presentato il restyling del brand, segnando l’inizio di un nuovo ciclo di comunicazione. Questa trasformazione include anche un rinnovamento delle etichette, che ora si presentano con un’immagine più fedele al marchio. Il restyling coinvolge progressivamente tutto il portfolio prodotti, iniziando dalla linea Classica.

Già nel 2023, Amarcord ha ampliato questa linea introducendo nuove birre come la Bianca e la IPA, segnando un passaggio verso una comunicazione più istituzionale. Oggi, anche le storiche Gradisca, Midòna, Volpina e Tabachéra adottano un nuovo look, spogliandosi della caratterizzazione iconografica legata al mondo felliniano per vestire un’immagine ispirata alle caratteristiche del brand.

Sogno di gioco degli scacchi e birre

Wolfgang

Collab. Redazione di Pintamedicea.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *