Papille Clandestine tira le somme sul Genova Beer Festival appena concluso

Un’edizione importante quella di quest’anno, dopo due anni saltati a causa della pandemia. Papille Clandestine giustamente festeggia le oltre 5.000 presenze al Genova Beer Festival 2022.

La manifestazione è organizzata dall’Associazione Culturale Papille Clandestine e quest’anno ha portato a Villa Bombrini di Cornigliano 16 tra i migliori birrifici artigianali e 9 street food di qualità. In pochi però potevano immaginare un ritorno così in grande.

Il calendario di eventi del Genova Beer Festival 2002 ha coinvolto circa 150 persone nei laboratori, 20 homebrewer per il contest a loro dedicato, 100 bambini che hanno partecipato ai lab organizzati dalla cooperativa La Giostra della Fantasia e 80 persone che hanno preso parte alla visita guidata della villa.

«Siamo convinti che quella appena finita sia stata la migliore edizione della storia del Genova Beer Festival. Nonostante le preoccupazioni, tra pandemia e allerta meteo, e soprattutto dopo due anni di stop, siamo ripartiti esattamente da dove avevamo finito, rilanciando un grande momento di condivisione e socialità, come è nello scopo dell’Associazione Papille Clandestine. Un ringraziamento sentito a tutti i nostri partner, ai protagonisti del programma dei laboratori, a Società per Cornigliano che ci ospita dalla prima edizione, e soprattutto ai nostri fantastici volontari, una squadra incredibile e indispensabile per lo svolgimento del festival. Questo è un nuovo inizio, e continueremo a divertirci insieme con tanti eventi e iniziative per i nostri soci», spiega Giulio Nepi, Presidente dell’Associazione Papille Clandestine.

Share

Pinta Medicea

La Redazione di Pinta Medicea. Birra artigianale, birra di qualità, birra italiana e cultura birraria. Network di eventi e comunicazione birraria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *