Brussels Beer Challenge 2022: le birre italiane premiate

Oggi sono usciti i risultati della Brussels Beer Challenge 2022, il concorso internazionale di birra che si svolge ogni anno in Belgio. Fondato nel 2012 dalla società Becomev, il BBC è una gara autorevole, i cui risultati aiutano a delineare con più chiarezza la scena della birra attuale.

Come funziona il Brussels Beer Challenge?

Le degustazioni della giuria formata da 85 esperti internazionali si sono svolte un paio di settimane fa nella città di Eupen,  mentre i risultati sono stati annunciati a Gent nel corso di Horeca Expo. In gara, come l’anno scorso, 1800 birre artigianali e industriali provenienti da 41 paesi, divise in categorie e raggruppate per stile, caratteristiche e origine. Le migliori birre di ciascuna categoria hanno composto i rispettivi podi: oro, argento e bronzo.

Le birre italiane come sono andate?

Più che bene. L’Italia si piazza al 3° posto nella classifica assoluta, con 34 medaglie di cui: 8 ori, 7 argenti e 19 bronzi. Bel risultato, in linea con l’edizione dell’anno scorso.

Cominciamo col fare i complimenti al birrificio Mezzavia (Selargius – CA) che è stato l’unico tra gli italiani a portare a casa due ori grazie alle birre Gare de Roubaix e City Folks, ripettivamente in stile bière de garde e APA.

Le categorie più popolari del concorso sono quelle squisitamente belghe: le Tripel con più di 100 birre iscritte e le Blanche con 65 birre in gara.
Nel primo caso il Belgio ha preso tutto: Brugge Tripel (Oro), 888 Tripel Eight e Gouden Carolus Tripel (argento), Nachtraaf Tripel – Blond e De Poes Blond (bronzo).
Invece con le Blanche la faccenda si fa più interessante dal punto di vista italiano: il bronzo è andato a Magnolia del birrificio Rethia, al primo posto la Blanche de Namur di Hoegaarden e al secondo l’americana Allagash White. Un oro che mi fa piacere perché la Blanche de Namur è una birra molto comune e si può trovare facilmente anche nei supermercati italiani, se qualcuno volesse togliersi lo sfizio mentre fa la solita spesa.

Due medaglie per l’Ucraina

Nonostante la guerra, in Ucraina (occidentale) si produce birra e Pravda Brewery di Lviv (Leopoli) vince due medaglie: un oro nella categoria delle birre alla frutta con What The Fruit e un bronzo con la birra affumicata Chornobaivka. Pravda Brewery è un birrificio ganzissimo, autore di una cotta in diretta Facebook all’indomani dell’invasione russa, dove i giovani birrai tra i fumi della sala cottura raccontavano a un pugno di spettatori attoniti (tra cui la sottoscritta) la situazione, rispondendo alle domande e raccogliendo cuori, in un clima surreale per non dire assurdo. Così come l’iniziativa successiva di usare le bottiglie di birra per fabbricare molotov da difesa, con tanto di magnifica etichetta ‘Putin Vaffanculo’. Bravi, i miei complimenti.

E le birre toscane? I <3 Brùton

Brussels Beer Challenge da quest’anno collabora con Cronache di Birra al trofeo per la migliore birra italiana del BBC2022 che va alla Eva, magnifica pils del Birrificio Brùton di San Cassiano di Moriano in provincia di Lucca. Per i pochi che non lo sapessero, il Brùton è un birrificio artigianale storico toscano dal 2006 che ha vinto e vince una caterva di premi ai migliori concorsi birrari del mondo. La sua Eva è una bassa fermentazione caratterizzata da un uso elegante dei luppoli. Brùton ha raggiunto il podio anche delle birre saison, un altro stile fondamentale belga, con la sua Abiura. Complimenti ad Apo e Andrea da Pinta Medicea.

Tutti i risultati

Tutti i risultati della Brussels Beer Challenge 2022 sono a questo indirizzo: https://results.brusselsbeerchallenge.com/it/2022.

Share

Francesca Morbidelli

Mi chiamo Francesca Morbidelli, sono tra i fondatori della Pinta Medicea. Dal 2007 scrivo di birra su questo blog e ne gestisco le varie emanazioni social. Sono docente e giudice in concorsi birrari da un decennio, e collaboro sia con MoBI che con Unionbirrai. My beer resume (in English). Amministratrice del sito de La Pinta Medicea: francesca [at] pintamedicea.com - Twitter: @pintamedicea e @storiediweb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *