Il Decreto Sostegno (come i precendenti) ha dimenticato i piccoli birrifici

Avevamo sperato tanto nel Decreto Sostegno di riuscire a dare un po’ di ossigeno al settore, anche di fronte alle perplessità espresse da Unionbirrai. L’Associazione aveva ragione: stando alle anticipazioni della stampa specialistica, i piccoli birrifici ancora una volta sono stati ignorati nelle loro esigenze specifiche.

Considerando che siamo a oltre un anno dall’inizio della pandemia, le risorse dei microbirrifici sono al lumicino e i risarcimenti una questione di sopravvivenza spicciola. Con i pub chiusi, o aperti solo per l’asporto da mesi, il principale canale di vendita della birra artigianale italiana si è fermato quasi del tutto con perdite enormi.

“Oggi riceviamo di nuovo briciole, mentre la prospettiva di una ripartenza economica rimane un miraggio”. Unionbirrai reagisce con un messaggio durissimo e condivisibilela misura è colma –  che contiene, tra le varie cose, anche l’invito a un periodo di resistenza fiscale, con la sospensione del pagamenti delle imposte (ovviamente regolarmente contabilizzate).

 

Pinta Medicea

La Redazione di Pinta Medicea. Birra artigianale, birra di qualità, birra italiana e cultura birraria. Network di eventi e comunicazione birraria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.