Sesso, birra e Mesopotamia

Una placca di terracotta con scena erotica della collezione del British Museum ci mostra fin dall’antichità le forti connessioni tra l’alcol e l’attività sessuale

Tra le curiosità birrarie di cui ho letto nell’ultimo periodo, rientra senz’altro la placca di terracotta raffigurante una scena erotica che fa parte della collezione del British Museum, e sembra mostrare un uomo e una donna che fanno sesso, mentre la donna si china per bere birra con una cannuccia.

Il manufatto risale alla Mesopotamia, tra i 3000 e i 4000 anni fa, quando qualche antico-babilonese ha pensato bene di immortalare la scena modellandola nell’argilla.

Non si tratta di un ritrovamento eccezionale, tutt’altro. Non è raro, infatti, che i documenti del periodo contengano esempi di poesie erotiche in cui si instaurano forti correlazioni tra l’alcol e il sesso —un nesso che ritroviamo anche in altre epoche.

Queste piccole placche di argilla cotta, meno di dieci centimetri per lato, furono prodotte in serie nella Mesopotamia meridionale (odierno Iraq del Sud) dal secondo millennio a.C., mostrano scene informali, della vita privata della gente. La loro funzione non è stata ancora chiarita, l’ipotesi più scontata è che avessero un qualche significato magico o religioso.

Pinta Medicea

Pinta Medicea

La Redazione di Pinta Medicea. Birra artigianale, birra di qualità, birra italiana e cultura birraria. Network di eventi e comunicazione birraria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.