Coronavirus vs Birra Corona uno a zero

Il Gruppo Mondelo è il colosso proprietario del popolare marchio Corona (nonché di tanti altri), la birra nella bottiglia trasparente prodotta in Messico e venduta in tutto il mondo. Ai corsi di degustazione se ne parla sempre, in quanto portatrice sana di gusto luce.

Qualche giorno fa, su richiesta del Governo messicano, la produzione di birra Corona è stata sospesa a causa della pandemia. Uno stop alle attività non essenziali che riguarda tutto il Paese e fa parte delle misure di contenimento del contagio. In questi giorni, provvedimenti simili sono in vigore pressoché dappertutto nel mondo.

Ma la birra Corona non se la stava passando benissimo in quanto ha la sfiga di condividere il nome con quello del virus che ci sta sconvolgendo le esistenze.

Che le due cose non c’entrino nulla l’una con l’altra è lapalissiano. Tuttavia i consumatori hanno iniziato a fare confusione, a sviluppare diffidenza fino a non comprarla più e a dichiarare di non aver intenzione di acquistarla nell’immediato futuro. Basta dare un’occhiata ai trend di Google per rendersene conto.

Di solito non parlo quasi mai dei marchi industriali, ma la vicenda svela un aspetto dell’epidemia di covid-19 che va oltre il surreale e di cui voglio lasciare traccia su queste pagine.

Francesca Morbidelli

Francesca Morbidelli

Mi chiamo Francesca Morbidelli, sono tra i fondatori della Pinta Medicea. Dal 2007 scrivo di birra su questo blog e ne gestisco le varie emanazioni social. Sono docente e giudice in concorsi birrari da un decennio, e collaboro sia con MoBI che con Unionbirrai. My beer resume (in English). Amministratrice del sito de La Pinta Medicea: francesca [at] pintamedicea.com - Twitter: @pintamedicea e @storiediweb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.