Entro il 2022 calorie e ingredienti su lattine e bottiglie di birra

Con sede a Bruxelles, The Brewers of Europe è l’associazione di categoria che riunisce e dà voce unica alle associazioni birrarie dei 29 paesi dell’Unione e ai 9.500 birrifici del continente. Da loro arriva la notizia che entro tre anni tutte le bottiglie di birra e le lattine commercializzate in Europa dovranno riportare in etichetta l’elenco degli ingredienti e i valori energetici.

The Brewers of Europe e i suoi membri, infatti, hanno firmato un protocollo d’intesa con la Commissione Europea, impegnandosi a etichettare ingredienti e valori energetici entro il 2022. Lo stesso protocollo è rivolto anche agli altri produttori e associazioni di bevande alcoliche.

Si tratta di un obiettivo ambizioso che è stato volontariamente concordato con la Commissione Europea e adottato dall’Assemblea generale dei The Brewers of Europe a giugno di quest’anno.

L’impegno per l’etichettatura degli alcolici è visto con favore perché rappresenta un passo ulteriore nella tutela dei consumatori, del loro diritto di saperne di più attraverso informazioni chiare e trasparenti. Una sensibilità crescente che è stata recepita anche in modo volontario dai produttori stessi. Negli ultimi quattro anni, infatti, buona parte dei produttori di birra ha iniziato spontaneamente a indicare ingredienti e apporto energetico sulle confezioni: già oggi il 60% delle birre in commercio indica le calorie, mentre l’85% riporta l’elenco di ingredienti.

È andare incontro a un’esigenza dei consumatori che vogliono sapere di più su quello che bevono e di come impatti sulla loro salute, considerando poi che gli stili birrari hanno differenze caloriche anche notevoli tra di loro. Inoltre, quando si parla di birre artigianali, l’interpretazione del birraio e l’aggiunta di ingredienti e lavorazioni diverse da quelle canoniche, possono portare a una differenza nutrizionale anche importante rispetto allo stile di base.

 

 

 

Share
Avatar

Francesca Morbidelli

Mi chiamo Francesca Morbidelli, sono tra i fondatori della Pinta Medicea. Dal 2007 gestisco e scrivo di birra artigianale su questo sito. Sono docente e giudice in concorsi birrari da quasi un decennio, e collaboro sia con MoBI che con Unionbirrai. My beer resume (in English). Amministratrice del sito de La Pinta Medicea: francesca [at] pintamedicea.com - Twitter: @pintamedicea e @storiediweb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.