Birrificio Sikania

Tratto da La birra nel mondo, Volume IV, di Antonio Mennella-Meligrana Editore

Birrificio Sikania, Messina

Birrificio artigianale nato nel 2015 come beer firm per poi fissare il proprio impianto di produzione in un ex cinema. Fu opera di Nino Amato, proprietario dell’azienda Sikania attiva nella filiera agroalimentare dal 1980.
La produzione, di 1200 litri di birra al giorno e coniugata in tre referenze, è affidata al valido mastro birraio Silvio Giulino.
Sensibile alla tutela dell’ambiente poi, l’azienda utilizza soltanto bottiglie realizzate con vetro riciclato.
Una certa curiosità suscita invece il marchio, Birra Minchia. Si tratta di un termine originario del dialetto siciliano (anche gallurese) per indicare il “pene”, dal latino mentula(m), attraverso il volgare mencla. Passato poi a espressione di stupore, ammirazione, ira, disprezzo, ecc., si diffuse soprattutto nell’Italia settentrionale per via dell’ingente immigrazione, rimanendo comunque l’emblema identificativo della Sicilia. Non c’è quindi da meravigliarsi che sia stato coniato un simile marchio, senz’altro con un certo richiamo per i siciliani sparpagliatisi nelle varie regioni della Penisola e anche all’estero. Sta di fatto che la Birra Minchia viene sempre più richiesta dai locali siciliani, sia italiani che stranieri.

Le birre

Birra Minchia Bionda, premium lager di colore giallo dorato (g.a. 5,2%). Con una media effervescenza, la schiuma bianca, abbastanza fine e generosa, ostenta sufficiente durata. L’olfatto è di elevata intensità, con profumi speziati, floreali, erbacei, di malto, grano, pane, miele, che però non vanno oltre una gradevole finezza. Il corpo, da leggero a medio, ha una normale consistenza acquosa. Il gusto, fragrante, dolce, cremoso, raggiunge con facilità un decente equilibrio tra la morbidezza del malto e il delicato amarore del luppolo, senza ovviamente trascurare una fresca punta di acidità. Il finale reca tutta la delicatezza dei luppoli nobili utilizzati. Nella sua ristretta persistenza, il retrolfatto sa farsi apprezzare per delle sensazioni erbacee e floreali molto piacevoli e dissetanti.

Birra Minchia Rossa, amber ale di colore ambra con riflessi rossastri (g.a. 6%). Con una carbonazione piuttosto contenuta, la schiuma biancastra emerge solida e persistente in una consistenza di grana media. Malto, caramello, luppolo erbaceo, cereali, frutta, miele, resina, allestiscomo un’elevata intensità olfattiva di gradevole finezza. Il corpo, da leggero a medio, presenta una trama un po’ acquosa. Il gusto di malto, tenuto ben in eqilibrio dal solido fondo di luppolo, può esprimere in assoluta libertà le sue deliziose note dolci e fruttate. Il brioso finale, asciutto e amaro, sfocia nelle lunghe sensazioni retrolfattive di malto tostato.

Birra Minchia Tosta, doppelbock di un intenso colore dorato (g.a. 7,3%). Con una carbonazione da moderata a bassa, la spuma, tendente all’avorio, emerge fine e cremosa, ma non dura più di tanto. Al naso, si sviluppa un forte profumo di frutta secca e candita, pasta di pane e pane tostato, caramello e marmellata di prugne, miele e melassa, liquirizia e cannella, con pronunciato odore vinoso di alcol. Il corpo, da medio a pieno, ha una consistenza oleosa un po’ appiccicosa. Il gusto, oltre a essere liquoroso, è molto equilibrato tra la dolcezza del malto caramellato e l’amaro del luppolo erbaceo a tratti pressoché astringente. Una certa sensazione appiccicosa ritorna nel finale, lungo, dolce, alcolico. Nella notevole persistenza retrolfattiva si esalta il luppolo, con suggestioni acidule, piccanti, dolceamare.

Sito web: www.birrasikania.it.

Le foto dell’articolo sono prese dalla pagina Facebook del Produttore.

Antonio Mennella

Antonio Mennella

Nato il primo gennaio 1943 a Lauro (AV) e residente a Livorno. Laureato in giurisprudenza, è stato Direttore Tributario delle Dogane di Fortezza (BZ), Livorno, Pisa, Prato. PUBBLICAZIONI Confessioni di un figlio dell'uomo - romanzo - 1975; San Valentino - poemetto classico - 1975; Gea - romanzo - 1980; Il fratello del ministro - commedia - 1980; Don Fabrizio Gerbino - dramma - 1980; Umane inquetudini - poesie classiche e moderne - 1982; Gigi il Testone - romanzo per ragazzi - 1982; Il figlioccio - commedia - 1982; Memoriale di uno psicopatico sessuale - romanzo per adulti - 1983; La famiglia Limone, commedia - 1983; Gli anemoni di primavera - dramma - 1983; Giocatore d’azzardo - commedia - 1984; Fiordaliso - dramma - 1984; Dizionario di ortografia e pronunzia della lingua italiana - 1989; L'Italia oggi - pronunzia corretta dei Comuni italiani e nomi dei loro abitanti - 2012; Manuale di ortografia e pronunzia della lingua italiana - in due volumi - 2014; I termini tecnico-scientifici derivati da nomi propri - 2014; I nomi comuni derivati da nomi propri - 2015. BIRRA La birra, 2010; Guida alla birra, 2011; Conoscere la birra, 2013; Il mondo della birra, 2016; La birra nel mondo, Volume I, A-B - 2016; La birra nel mondo, Volume II, C-K -2018; La birra nel mondo, Volume III, L-Q - 2019; La birra nel mondo, Volume IV, R-T - 2020; La birra nel mondo, Volume V, U-Z - uscita prevista per la fine del 2020. Ha collaborato a lungo con le riviste Degusta e Industrie delle Bevande sull'origine e la produzione della birra nel mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.