Birra italiana “record”: nel 2018 superato il tetto del miliardo di euro

Il commercio della birra in Italia ha superato per la prima volta nella sua storia, il miliardo di euro nell’anno 2018. Notizia molto positiva che arriva da Coldiretti, che esalta anche l’aumento dei consumi pro capite, finalmente oltre la soglia dei 32 litri all’anno. Se messi a confronto con gli altri paesi europei, i consumi italiani rimangono sempre molto bassi, tuttavia il segnale di crescita va interpretato in senso positivo. Un altro dato importantissimo, specialmente in questo momento economico incerto, sono i 200 milioni di euro delle esportazioni del prodotto italiano all’estero, in altre parole +11% ripetto al 2017. Questa crescita la dobbiamo molto al settore artigianale, con il numero di birrifici attivi sul territorio che è arrivato quasi a toccare quota 900 (sebbene microbirrifici.org a oggi ne conti 1610, ma questo totale comprende anche quelli che hanno cessato l’attività e sebbene l’anno scorso ci sia stato un rallentamento nelle aperture di nuovi birrifici rispetto al 2017).

La produzione artigianale fa ampio uso delle risorse particolari del territorio, usando materie prime altamente geolocalizzate, come riporta l’articolo di Coldiretti:

…dalla birra aromatizzata alla canapa a quella pugliese al carciofo di colore giallo paglierino ma c’è anche quella alle visciole, al radicchio rosso tardivo Igp o al riso fino alla prima agri-birra terremotata a 1600 metri sulle montagne tra Amatrice e Leonessa che nasce utilizzando lo scarto del pane e che cambia e modifica sapore, colore e consistenza a seconda del tipo di pane che l’azienda riesce a raccogliere dai residui di vendita.

Tuttavia il ricorso al chilometro zero, anzi “centimetro” come insegna Kuaska, non è certo una novità, ma caratterizza il movimento artigianale italiano fin dai suoi albori. Mi vengono in mente, ad esempio, le birre alle “millemila” cultivar di castagne che una decina di anni fa erano richiestissime e a noi associazione garantivano serate di degustazione sempre affollate! Chi è appassionato da più o meno quel periodo, la sua gateway beer sul mondo artigianale è molto probabile che sia stata proprio una birra alle castagne.

Oggi però si considera tutta la filiera e si cerca di tutelare ogni singolo aspetto; è di un paio di mesi fa l’accordo tra Unionbirrai e ICQRF (Ispettorato Controllo Qualità e Repressione Frodi del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali) per tutelare la birra artigianale definita dalla legge italiana e dare strumenti di protezione al consumatore finale, come il marchio Indipendente & Artigianale di Unionbirrai, per esempio.

Share

Francesca Morbidelli

Mi chiamo Francesca Morbidelli, sono tra i fondatori della Pinta Medicea. Dal 2007 gestisco e scrivo di birra artigianale su questo sito. Sono docente e giudice in concorsi birrari da quasi un decennio, e collaboro sia con MoBI che con Unionbirrai. My beer resume (in English). Amministratrice del sito de La Pinta Medicea: francesca [at] pintamedicea.com - Twitter: @pintamedicea e @storiediweb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.