8 birrifici della Toscana trionfano a Birra dell’Anno 2018

Sono 8 i birrifici e 10 le birre della Toscana che si sono aggiudicati un piazzamento nella classifica di Birra dell’Anno 2018.

Durante la 13° edizione del concorso birrario promosso da Unionbirrai e ospitato nell’ambito di BeerAttraction a Rimini, sono stati assegnati complessivamente 123 premi, equamente divisi tra oro, argento e bronzo, alle 1650 birre artigianali in gara.

I birrifici della nostra regione, sia quelli storici che le realtà più recenti, si sono aggiudicati ben 10 di questi riconoscimenti. Vediamo nel dettaglio le birre toscane che sono entrate nel medagliere di Birra dell’Anno 2018.

Birra Brùton

Il  birrificio Brùton di San Cassiano di Moriano (LU) si è portato a casa un oro nella cat.32  delle birre birre affumicate e torbate, grazie all’ottima Momus, e poi ha conquistato anche un bronzo nella cat.2 delle lager con la Eva.

Birra Badalà

Ancora due premi per il Badalà di Montemurlo (PO): oro con la Épicé Ipa nella piuttosto varia cat.16 delle IPA (speciality, rye, Belgian, AIPA e APA fermentate a bassa), e bronzo nella cat.20 delle birre scure grazie alla stout Storter.

Birrificio Calibro 22

Il birrificio Calibro 22 di Figline Val d’Arno (FI) si è aggiudicato un oro nella cat.21 dedicata alle scure ad alta fermentazione di ispirazione angloamericana, con la gustosa Babbo Natale è morto.

Birra del Forte

Oro anche per La Mancina, premiata nella cat.27 comprendente le birre chiare di ispirazione belga, e prodotta dal Birrificio del Forte di Pietrasanta (LU).

Birrificio Saragiolino

Un argento è invece andato a Torrita di Siena, al Birrificio Saragiolino per la blond ale Vale (cat.25).

Piccolo Birrificio Clandestino

Il Piccolo Birrificio Clandestino di Livorno si è aggiudicato un altro argento nella cat.8 dedicata alle birre di ispirazione inglese, con la Santa Giulia. Il PBC si è meritato anche una menzione d’onore tra i barley wine per la Fortezza Nuova.

Birrificio La Petrognola

Il Birrificio La Petrognola di Piazza al Serchio (LU) ha conquistato un bronzo con la birra alle castagne Marron (cat.35).

Birrificio agricolo La Diana

Infine un altro bronzo se l’è portato a casa il Birrificio agricolo La Diana di Siena, grazie alla Ester che ha gareggiato nella cat.36 delle birre al miele.

Share

Pinta Medicea

Mi chiamo Francesca Morbidelli, sono tra i fondatori della Pinta Medicea. Dal 2007 gestisco e scrivo di birra artigianale su questo sito. Sono docente e giudice in concorsi birrari da quasi un decennio, e collaboro sia con MoBI che con Unionbirrai. Amministratrice del sito de La Pinta Medicea: francesca [at] pintamedicea.com - Twitter: @pintamedicea e @storiediweb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.