La birra artigianale italiana al Great British Beer Festival 2016

Da poco più di una settimana si è concluso il Great British Beer Festival 2016, festival della birra tradizionale della Gran Bretagna (www.gbbf.org.uk). Il GBBF è organizzato dal CAMRA all’Olympia London, una struttura espositiva nella zona di Hammersmith, dal 9 al 13 Agosto. È una rassegna che riunisce oltre 900 etichette tra: sidri, perry, birre prodotte sia dai birrifici più conosciuti come Charles Wells, Fuller, St Austell e Wadworth… sia da quelli più piccoli e remoti.

Non senza polemiche, il GBBF comprende anche uno spazio dedicato alle birre internazionali, in cui trova posto una selezione accurata delle eccellenze di vari paesi, tra cui il nostro. Il CAMRA è un’associazione molto tradizionale, durante questo festival che è probabilmente uno dei festival birrari più importanti al mondo, si è dibattuto sull’opportunità o meno di ammettere le birre straniere. Probabilmente anche il Brexit non aiuta, infatti ogni tanto qualche cliente chiedeva come mai in quanto italiani servissimo anche le birre belghe e olandesi.

Infatti lo stand dell’Italia fa parte di Bières Sans Frontières che riunisce anche Belgio e Olanda con cui condividiamo spazi e spine. In realtà al nostro stand, dove ho avuto il piacere di lavorare ancora una volta come volontaria, era presente anche l’unico birrificio artigianale di Malta, Lord Chambrey, ma di proprietà e birraio italiani. Così posso affermare con cognizione di causa che in Inghilterra le birre italiane piaccciono eccome: i nostri birrifici hanno avuto un successo enorme, lo prova il sold out delle bottiglie che fa piacere e ripaga del sacrificio di aver dedicato una parte delle ferie a lavorare gratis.

I magnifici 14 birrifici italiani e le loro birre servite alla spina (S) o in bottiglia (B) a questo GBBF sono stati:

  1. Almond ’22
    Farrotta B 5,6% Spelt Golden Ale
    Torbata B 8,5% Barley Wine
    Pink Ipa S 6,0% Italian Pale Ale
  2. Baladin
    Isaac B 5,0% Blanche
    Wayan B 5,8% Saison
    Xyauyù Fumè S (botticella) 14% Barley wine
  3. Barley
    BB7 B 7,0% Italian Grape Ale
    BB9 B 9,0% Italian Grape Ale
  4. Birra Perugia
    Chocolate Porter B 5,0% Chocolate Porter
    Ila B 8,0% Scotch Ale
    Golden Ale S 5,2% Golden Ale
  5. Birrificio del Ducato
    Victoria B 3,5% Session IPA
    Beersel Morning B 6,2% Saison + Lambic
    Viaemilia S 5,0% Kellerpils
    New Morning S 5,8% Saison
    Kiss Me Lipsia S 4,0% Gose
    White Riot S 4,0% Blanche
    Machete S 7,6% Double IPA
  6. Birrificio Italiano
    Tipopils B 5,2% Kellerpils
    Band Bretta B 6,7% Barrel Aged Brett IPA
    Delia S 4,3% Kellerpils
  7. BrewFist
    Galaxie Chardonnay Barrel B 7,6% Asgardian Saison
    X-Ray B 8,5% Imperial Porter
  8. CR/AK
    Tisane IPA B 5,2% South Pacific IPA
    Perfect Circle B 7,5% Double IPA
    Guerrilla S 5,8% Subversive Ipa
    Grapefruit Spaceman S 7,0% West Coast IPA
  9. Extraomnes
    Hopbloem B 5,7% Belgian Blond Ale
    Straff B 9,5% Winter Saison
    Guld S 5,5% Saison
  10. Free Lions
    Piùtrentanove B 5,0% Blanche
    Neverending B 5,0% Extra Stout
    Lo Straniero S 7,8% American Strong Ale
  11. Hammer
    Asia B 5,0% Blanche
    Bulk B 6,0% Porter
    Wave Runner S 6,5% American IPA
  12. Lambrate
    Domm B 5,0% Bavarian HefeWeizen
    Imperial Ghisa B 8,5% Smoked Baltic Porter
    American Magut S 5,0% West Coast Pils
  13. LoverBeer
    Saison de l’Ouvrier Violetta S 5,8% Farmhouse Sour Ale
    BeerBera S 8,0% Spontaneous fermentation
  14. Toccalmatto
    Miss Molly B 6,5% Fruit IPA
    #Toats!!! B 6,5% Oak Ale
    Okie Matilde S 6,2% Brett Belgian Ale

Foto (qui solo alcune tutte le altre sono sull’album online)

 

Share

Pinta Medicea

Mi chiamo Francesca Morbidelli, sono tra i fondatori della Pinta Medicea. Dal 2007 gestisco e scrivo di birra artigianale su questo sito. Sono docente e giudice in concorsi birrari da quasi un decennio, e collaboro sia con MoBI che con Unionbirrai. Amministratrice del sito de La Pinta Medicea: francesca [at] pintamedicea.com - Twitter: @pintamedicea e @storiediweb