Come prepararsi una piacevole bevanda con la gramigna

Nelle mie solite ricerche sui volumi ottocenteschi ho trovato un altro articolo divertente, non si parla ne di collezionismo, né di storia della birrerie e nemmeno di birra, ma forse interesserà agli homebrewers più sperimentatori!

Articolo pubblicato dal “Giornale agrario toscano” e riportato nella raccolta “Biblioteca Italiana” pubblicata nel 1832 a Milano

Dopo la raccolta delle radici di gramigna esse debbon lavarsi, tagliarsi a pezzetti e lasciarsi seccare conservandole dappoi in luogo asciutto, ventilato ed immune da cattivi odori. Per preparar la bevanda in quistione si macina o si acciacca la detta radice diseccata, e si tratta questa sostanza come l’orzo nella manifattura della birra. Alla decozione di gramigna deve unirsi un poco di luppolo e di lievito di birra, ed il miscuglio si terrà a fermentare in luogo caldo. Il liquore si perfezionerà così e potrà volendo esser posto in bottiglie ove diverrà spumante come la birra. Sarà più o meno forte secondo che saremo stati più o meno generosi nella quantità di gramigna dirimpetto a quella dell’acqua adoperata per farne la decozione.

Share
Gianluca Lombardi

Gianluca Lombardi

Collezionista di sottobicchieri http://isottobicchieri.altervista.org e Consigliere de Il Barattolo, associazione di collezionismo birrario http://www.ilbarattolo.org

Un commento su “Come prepararsi una piacevole bevanda con la gramigna

  • Fabio
    24/02/2011 at 1:58
    Permalink

    Quasi quasi provo!

Commenti chiusi.