TASTE N.5, dal 13 al 15 marzo 2010 alla Stazione Leopolda di Firenze

Un osservatorio unico del gusto: È TASTE N.5,  DAL 13 AL 15 MARZO 2010 ALLA STAZIONE LEOPOLDA DI FIRENZE. Tre giorni di assaggi, scoperte acquisti, dedicati al gusto.

E tutta Firenze si accende con gli eventi di Fuori di Taste, la manifestazione parallela al salone del cibo che ha luogo in numerosi locali della città.

Dal 13 al 15 marzo 2010, alla Stazione Leopolda di Firenze (mappa di Google), Pitti Immagine presenta la quinta edizione di Taste. In viaggio con le diversità del gusto, il salone dedicato alle eccellenze del cibo italiano (saranno presenti circa 200 aziende specializzate e di nicchia) e alle biodiversità della tavola nell’era globale. Per gli operatori della gastronomia e della ristorazione e per il pubblico dei visitatori, Taste è un’esperienza divertente e coinvolgente, alla scoperta dei tanti modi in cui oggi si esprime e si sperimenta il gusto:

  • Taste Tour _ il percorso di degustazione dei prodotti proposti dalle aziende, per conoscere e approfondire le ricchezze gastronomiche del nostro paese: dalla vellutata al tartufo nero ai cioccolatini al Parmigiano, dalla passata di pomodorini Prunilli al miele d’erba medica, dalla pasta secca all’uovo lavorata a mano su trafile di bronzo al prosciutto al forno medievale, fino al formaggio stagionato di latte di bufala, la confettura all’aceto balsamico e la marmellata di olive taggiasche…
  • Taste Tools _ sono gli oggetti di food & kitchen design, i capi di abbigliamento, le attrezzature tecniche e professionali per la tavola e la cucina;
  • Taste Shop _ è il negozio dove acquistare i prodotti esposti e degustati, una sorta di department store dei cibi esclusivi;
  • Taste Ring _ una serie di talk show e di incontri con i protagonisti della cultura della tavola, dedicati ai temi più curiosi e caldi del lifestyle legato al gusto, agli abbinamenti imprevedibili tra il cibo e i più disparati aspetti della vita sociale, economica e culturale;
  • Taste Press _ l’area dove viene presentata una selezione di riviste e di progetti editoriali dedicati all’eno-gastronomia.

Ma veniamo alla Birra Artigianale

La lista degli espositori prevede la partecipazione dei microbirrifici artigianali italiani:

  • 32 Via dei Birrai
  • Almond’22
  • Atlas Coelestis Birrificio Artigianale
  • Birra Amiata
  • Birra Baladin
  • Birra del Borgo
  • Birrificio Barley
  • Birrificio Brùton
  • Birrificio del Ducato
  • Birrificio L’Olmaia
  • Zago

Nel negozio all’interno del Taste è possibile acquistare i prodotti in degustazione nel salone. Un’occasione interessante per acquistare bottiglie di birra artigianale italiana che altrimenti sarebbero di difficile reperibilità. Purtroppo i prezzi sono piuttosto alti, tuttavia la particolarità delle birre acquistabili fa sì che valga la pena spendere qualche euro in più.

TASTE. IN VIAGGIO CON LE DIVERSITÀ DEL GUSTO
13-15 marzo 2010
Firenze, Stazione Leopolda – V.le Fratelli Rosselli, 5
orario: 10.30-20.30 (lunedì 9.30-16.30)
Ingresso: € 10 per il pubblico – € 5 per operatori del settore
Per maggiori informazioni:
www.tastefirenze.it
www.fuoriditaste.com

Share

Francesca

Mi chiamo Francesca Morbidelli, sono tra i fondatori della Pinta Medicea. Dal 2007 gestisco e scrivo di birra artigianale su questo sito. Sono docente e giudice in concorsi birrari da quasi un decennio, e collaboro sia con MoBI che con Unionbirrai. Tra le varie certificazioni ho anche quella di UBT. Amministratrice del sito de La Pinta Medicea: francesca [at] pintamedicea.com - Twitter: @pintamedicea e @storiediweb

4 commenti su “TASTE N.5, dal 13 al 15 marzo 2010 alla Stazione Leopolda di Firenze

  • 10/03/2010 at 12:25
    Permalink

    Aggiungo maltus Faber all'interno dello Stand del Sigaro toscano

  • Pingback: Le foto e la degustazione al Taste 2010 | La Pinta Medicea

  • 13/03/2011 at 2:09
    Permalink

    Una fiera è bella anche perché ti fa capire quanto le aziende, anche piccole, sono orientate verso il cliente. E’ già qualche anno che noto un miglioramento. Tranne in una che si ostina, come anche l’anno scorso (da buon pignolo me lo sono annotato) a non sorridere e non servire ai clienti che passano tra gli stand (che potrebbero essere giornalisti in grado di parlar bene del tuo prodotto o altri operatori di comunicazione come me) ed anche a pronunciare parole come NO nell’iniziare una frase, e pure ad incazzarsi se chiedi loro delle informazioni sul loro prodotto. Il nome di quest’azienda è SCHOONER di Empoli, produttori di Baccalà. Scorbutici e snob.
    Un’altra chicca che potrebbe essere il titolo di apertura di un articolo è stata invece la frase di un altro produttore, in risposta alla nostra domanda se era o meno interessato ad esportare i suoi prodotti nella nostra zona: “noi non andiamo dal cliente, vogliamo che il cliente venga da noi”. Gli abbiamo detto subito “Arrivederci”. Ma su questa non dirò chi l’ha detto: perché me lo segno e aspetterò l’anno prossimo per vedere se ripete il suo errore. Da buon blogger pignolo!

  • 14/03/2011 at 14:48
    Permalink

    @Filottete vado a “testare” quelli di Empoli! 🙂

Commenti chiusi.